Archivio tag: 2019

Giovedì 17 gennaio ore 21.15 – Gruppo di studio

c/o Punto di Lettura “Luciano Gori” – Via degli Abeti – Isolotto (FI)

“Saturno e le Macchie Solari viste da Galileo”
di Leonardo Malentacchi

Con l’utilizzo di uno dei primi cannocchiali Galileo inizia a scoprire nel dettaglio gli oggetti Sistema Solare, considerazioni e intuizioni del momento che apriranno la strada alla nuova Astronomia. Raccontiamo come ha interpretato le nuove immagini del Pianeta Saturno e le macchie sul Sole mai viste prima.

Martedì 15 gennaio ore 21.15 – Apertura biblioteca / Serata osservativa

Aula “Francesco Marsili” c/o I.I.S. “A.M. Agnoletti”
Via Ragionieri, 47 – Sesto F.no (FI)

bibliotecaserata osservativa

Per sapere se abbiamo il libro che ti interessa puoi consultare:
– il nostro sito, sotto la voce del menu Biblioteca: questo è il link
– la pagina di ricerca del circuito SDIAF, al quale siamo affiliati: questo è il link

Si invitano soci e sostenitori a segnalare titoli di libri, naturalmente inerenti gli argomenti da noi trattati, che possano servire ad ampliare l’offerta della nostra biblioteca. Lo potete fare scrivendo a: bibliotecario@astrosaf.it. Grazie per la collaborazione.

* * * * *

In caso di maltempo la serata osservativa verrà sostituita da attività didattica in sede.
Verranno affrontati alcuni argomenti inerenti il telescopio (come si monta, la messa in stazione, i vari tipi di ottiche, la differenza tra le varie montature, ecc.), altri strumenti (astrolabio) e l’uso del software Stellarium.


Martedì 8 gennaio ore 21.15 – Conferenza di astronomia

Aula Magna c/o I.I.S. “A.M. Agnoletti”
Via Ragionieri, 47 – Sesto F.no (FI)

“L’astronomia nell’arte”
del Dott. Emiliano Ricci

893px-Giotto_di_Bondone_-_No._18_Scenes_from_the_Life_of_Christ_-_2._Adoration_of_the_Magi_-_WGA09195
Giotto – L’adorazione dei Magi – Cappella degli Scrovegni (Padova)

L’arte ha spesso rivolto il suo interesse verso soggetti tratti dall’osservazione del cielo. Nell’antichità, Urania, la musa dell’astronomia, è stata spesso citata o rappresentata insieme alle altre muse come esempio di una disciplina in cui scienza e arte si fondono in un insieme rappresentativo della cultura.

La Divina Commedia è un illustre esempio di rappresentazione artistica della Cosmologia. D’altro canto, i disegni di Galileo sui monti della Luna sono contemporaneamente una rappresentazione artistica e scientifica.

Ma anche gli astronomi hanno trovato una loro collocazione pittorica in celebri quadri, come è il caso di Ipazia nel quadro sulla Scuola di Atene di Raffaello, di Giordano Bruno nella famosa scultura a Campo dei Fiori a Roma o degli astronomi in genere, come nel quadro del pittore belga Paul Delvaux.

In questa conferenza discuteremo gli aspetti scientifici di diversi fenomeni astronomici, confrontandoli con le rappresentazioni che pittori, scultori o scrittori hanno usato per la loro descrizione, e parallelamente cercheremo di capire come l’osservazione del cielo e la sua comprensione abbiano influenzato le rappresentazioni artistiche nel corso dei secoli.

Martedì 17 luglio – Manifestazione “Le notti dell’archeologia” / Serata a disposizione dei soci

Parco degli Etruschi – Via Fratelli Rosselli – Sesto F.no (FI)

Notti-archeologia-2017-web


Serata a disposizione dei soci

ore 21,30 del Aula “Francesco Marsili” c/o I.I.S. “A.M. Agnoletti”
Via Ragionieri, 47 – Sesto F.no (FI)


DONA IL TUO 5 per mille ALLA NOSTRA ASSOCIAZIONE

 come fare?

Il tuo aiuto ci permetterà di acquistare un telescopio adatto per l’osservazione del Sole