Archivio della categoria: Conferenza Astronomia

Martedì 12 gennaio ore 21.00 – Web Conferenza di astronomia

 “Le stelle variabili (e le distanze in astronomia)”

 relatore: Dott. Emiliano Ricci 

V838_Monocerotis_expansionL’immagine mostra l’espansione dell’eco luminosa della stella variabile
di tipo esplosivo V838 Monocerotis.
NASAESA, H.E. Bond (STScI) and The Hubble Heritage Team (STScI/AURA) – HubbleSite News Release: STScI-2004-10: Space Phenomenon Imitates Art in Universe’s Version of van Gogh Painting

Gli antichi pensavano che il cielo fosse perfetto e immutabile, e che gli unici corpi mobili fossero i pianeti. Nessuno, fino al 1596, si era mai accorto che alcune stelle conosciute e osservate da secoli variavano ogni tanto di splendore. Fu in quell’anno che l’astronomo olandese David Fabricius scoprì la prima stella variabile periodica: era Mira Ceti (dal latino, “meravigliosa”). Da quel momento, l’immutabilità del cielo fu irrimediabilmente compromessa. Ma grazie ad alcuni tipi di stelle variabili, è possibile determinare le distanze delle galassie e le dimensioni dell’Universo. Una scoperta che ha sconvolto per sempre le nostre conoscenze di cosmologia.

 MODALITA’ DI ACCESSO

Collegarsi al seguente link:  https://meet.jit.si/

Entrare nella stanza:            “ SAFConferenza2021 “

 

 

Auguri!!

La SOCIETA’ ASTRONOMICA FIORENTINA APS

augura a tutti i soci e simpatizzanti

BUONE FESTE    e   FELICE ANNO NUOVO


 

L’attività dell’associazione riprenderà in modalità on-line

MARTEDI’ 12 GENNAIO ore 21.00

con la conferenza del Dott. Emiliano Ricci 

 “Le stelle variabili (e le distanze in astronomia)”

 

Martedì 1 dicembre ore 21.00 – Web Conferenza di astronomia

“I modelli di Universo nella storia”
relatore: Franco Risca

 Nel corso della storia, fino dalle antiche civiltà, l’uomo ha cercato di capire come è fatto l’Universo ed ha immaginato la sua forma. Col passare del tempo la concezione del Cosmo è cambiata; la scienza ha iniziato a rispondere al posto della mitologia, varie teorie sono state formulate ma il modello che ci offre adesso è veramente quello definitivo ?

 MODALITA’ DI ACCESSO

Collegarsi al seguente link:  https://meet.jit.si/

Entrare nella stanza:            “ SAFConferenza2020 “

 

Martedì 27 ottobre ore 17.30 e ore 21.15

ore 17.30 – CONFERENZA DI ASTRONOMIA

Biblioteca Buonarroti ottobre 2020


ore 21.15 – WEB-CONFERENZA DI ARCHEO-ASTRONOMIA

“Una necropoli etrusca in territorio aretino e sue implicazioni astronomiche”

relatori: Giovanni Nocentini e Maria Luisa Lapini

In un territorio esteso, circoscritto da fiumi e torrenti, i relatori hanno individuato dei resti di tombe etrusche. Studiando il territorio hanno individuato strade con particolari e significativi orientamenti, che verranno analizzati e interpretati.

MODALITA’ DI COLLEGAMENTO

tramite la piattaforma ZOOM utilizzando il seguente link diretto:
https://us04web.zoom.us/j/5523082214?pwd=VHNIditidEtKRFJlb3ZDdFFZejMzdz09

oppure dalla pagina ZOOM:  https://zoom.us/join con le seguenti coordinate di accesso:  
Meeting ID: 552 308 2214      Password:   6e7Uqw

Inizio live streaming: ore 21:00
Inizio conferenza: ore 21:15 

Martedì 6 ottobre ore 21.15 – Conferenza di astronomia

 Aula “Corsi” della Croce Viola presso Ipercoop
Via Petrosa, 19 – Sesto Fiorentino (FI)
ingresso lato OBI primo piano 

“Esobiologia e comete: la vita venuta dallo spazio”

relatore: Prof. Lorenzo Brandi

1053px-ALH84001_structures
Possibili microfossili di batteri rinvenuti in un meteorite di origine marziana.
NASA: https://web.archive.org/web/20051218192636/http://curator.jsc.nasa.gov/antmet/marsmets/alh84001/ALH84001-EM1.htm

Aldilà delle fragilità interne si è sentito spesso parlare dei rischi che corre la Terra e la nostra civiltà di fronte alla incommensurabilità dello spazio. Più ciarlatani che scienziati hanno sottolineato questo o quel rischio: dall’essere risucchiati da un buco nero a finire sterilizzati da un gamma ray burst, dall’irraggiamento da parte di una supernova, alla caduta di sostanze velenose, alla precipitazione di un asteroide, alla contaminazione biologica. I recenti disagi legati alla pandemia hanno ridestato l’attenzione sui rischi di una contaminazione da parte di un virus spaziale. Un simile rischio è pressoché assente , ma serve per fare il punto della situazione delle attuali conoscenze di Esobiologia, ed in particolar modo sul ruolo che potrebbero aver giocato e giocare tuttora le comete, le candidate seminatrici della vita sui pianeti, alla luce anche delle ultime rilevazioni pervenute dalla missione Rosetta, oltre che da altri progetti di ricerca dedicati.

MODALITA’ DI ACCESSO

per le normative anti-Covid non potranno entrare nell’aula più di 25 persone.
I posti verranno assegnati in ordine di arrivo. Si consiglia di prenotare entro il giorno precedente telefonando al numero 377 1273573 (dalle 15 alle 20) oppure inviare una mail a: Presidente@astrosaf.it

Coloro che parteciperanno dovranno:
– tenere la mascherina per tutta la durata delle conferenza,
– mantenere la distanza di almeno un metro,
– igienizzarsi le mani all’ingresso dell’aula.
– fornire obbligatoriamente le proprie generalità (nome/cognome/numero del cellulare) al
  fine di essere rintracciati nel caso la ASL lo ritenesse necessario.